#HowToBeHealthy?

L’iniziativa mia e della Dott.ssa Natalia Realini prosegue anche a febbraio, mese dedicato alle verdure di stagione per scegliere insieme cosa mettere in dispensa e per scoprire quali verdure non devono assolutamente mai mancare sulle nostre tavole in questo periodo dell’anno.

Negli ultimi 80 anni abbiamo assistito ad una rivoluzione commerciale che ha visto cambiare radicalmente non solo la abitudini alimentari di noi Italiani ma anche la varietà di cibo che abbiamo a disposizione. Paradossalmente, tanto più è vasta l’offerta e la scelta dei prodotti, tanto più facilmente tendiamo a dimenticare la ricchezza di vegetali che la natura ci offre e anche la loro stagionalità.

Sulle nostre pagine Instagram (qui e qui) abbiamo quindi promosso l’utilizzo di tutte le verdure disponibile durante il mese di febbraio:

barbabietole, broccoli, carciofi, cavolfiori, verza, cicoria, cime di rape giusto per citarne alcune!

cropped-2016-02-10-16-14-391.jpg

Abbiamo condiviso con i nostri followers ricette, modalità di preparazione e proprietà nutrizionali di queste verdure tutte rigorosamente a foglia verde, come la Natura vuole in questo periodo dell’anno! Se ve le siete perse potete trovarle tutte raccolte sotto l’#VerdeFebbraio.

Particolarmente interessanti sono state le ricette di Claudia, Bio(logica), Elisa ed Elisabetta e, prima di mostrarvi la ricetta che ci è piaciuta di più, vi invito a leggere alcune informazioni sul vasto mondo delle verdure.

2016-02-03 20.45.08

 

10 spunti di riflessioni sul mondo delle VERDURE:

  1. Sono generalmente a basso contenuto calorico e costituiscono un’ottima fonte di acqua che è presente almeno per il 90% del peso! Un ottimo modo quindi per raggiungere naturalmente il giusto quantitativo di acqua raccomandato!
  2. Il condimento migliore da utilizzare nella preparazione delle verdure è l’olio extravergine di oliva, ideale non solo dal punto di vista edonistico ma anche dal punto di vista nutrizionale perché garantisce l’assimilazione di tutti quei composti di natura lipidica che altrimenti non verrebbero facilmente assimilati dal nostro organismo.
  3. Le modalità di cottura che possiamo utilizzare variano a seconda dei nostri gusti: possiamo prepararle scottate, bollite, a vapore, a pressione, al forno, ma è bene tenere presente che dopo la cottura le verdure dovrebbero mantenere il loro colore originario (salvo rare eccezioni) e risultare semmai più brillanti.
  4. Il colore verde indica la presenza di clorofilla ma non dimentichiamo che sono presenti anche carotenoidi specialmente nelle verdure dalle foglie verde scuro dove il colore tipico dei caroteni è coperto da quello della clorofilla!
  5. L’assorbimento di alcune sostanze come il beta-carotene e il licopene migliora grazie al calore, per altri composti facilmente degradabili invece si sconsiglia una cottura troppo prolungata.
  6. Tutte le verdure sono INTEGRATORI naturali di vitamina A, vitamina K, ferro, calcio, minerali e altri composti minori come salicilati, glucosinolati e polifenoli  che determinano le particolari proprietà che i vegetali hanno nei confronti di molte patologie tumorali e non solo.
  7. Si consiglia il consumo delle verdure appartenenti alla famiglia delle Crucifere (cavolo, verza, rape, cavolfiore, rucola) dalle 3 alle 5 volte alla settimana poiché ricche di due molecole (indolo 3-carvinolo e sulforafano che conferiscono l’odore tipico di queste verdure) ad azione antitumorale. L’indolo 3-carvinolo e sulforafano inibiscono  infatti l’angiogenesi (la formazione cioè dei vasi sanguigni necessari affinché le cellule tumorali proliferino) e favoriscono l’apoptosi (cioè la morte) delle cellule precancerose.
  8. Evidenze scientifiche mostrano che i soggetti che assumono quotidianamente discrete quantità di vegetali dal colore verde-giallo presentano un ridotto rischio di sviluppare tumori (allo stomaco, esofago, polmone, endometrio, colon, pancreas)Veg e tumori
  9. Altri benefici si osservano a livello cardiaco, del sistema immunitario ed epatico grazie alla sinergia tra tutte le molecole presenti nelle verdure. Per questo motivo l’effetto singolo prodotto dalle singoli componenti (contenute per esempio negli integratori) non risulta efficacie.
  10. Infine, perché non provare ad utilizzare le verdure anche per la preparazione delle nostre centrifughe ed estratti? Ideali da bere al mattino magari associati ad un po’ di frutta fresca (e di stagione!), super energizzanti dopo un’intensa attività fisica o a merenda come snack sano e rinfrescante!

 

Ed ora, ecco arrivato il momento si svelarvi la ricetta vincitrice  di questo #VerdeFebbraio!

La nostra amica Elisa ci propone queste buonissime CROCCHETTE DI CAVOLO NERO:

“…crocchette di cavolo nero, fagioli e patate. Per prepararle ho schiacciato con lo schiacciapatate una scatola di fagioli bianchi Spagna è una patata bollita a parte ho frullato alcune foglie bollite di cavolo nero, infine ho impastato tutto insieme con una manciata di pane grattugiato e parmigiano. Impanato e cotto in padella antiaderente con un goccio d’olio evo. Buon appetito!”